Top
La pesca con il bilancione alla foce del Tevere - Visit Ostia Antica
fade
4008
post-template-default,single,single-post,postid-4008,single-format-standard,cookies-not-set,mkd-core-1.0,mkdf-social-login-1.0,mkdf-tours-1.3,voyage-ver-1.1,mkdf-smooth-scroll,mkdf-smooth-page-transitions,mkdf-ajax,mkdf-grid-1300,mkdf-blog-installed,mkdf-breadcrumbs-area-enabled,mkdf-header-standard,mkdf-sticky-header-on-scroll-down-up,mkdf-default-mobile-header,mkdf-sticky-up-mobile-header,mkdf-menu-item-first-level-bg-color,mkdf-dropdown-default,mkdf-dark-header,mkdf-fullscreen-search,mkdf-fullscreen-search-with-bg-image,mkdf-search-fade,mkdf-medium-title-text,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive
11 Feb

La pesca con il bilancione alla foce del Tevere

Ostium in latino significa foce del fiume. E’ proprio alla foce del Tevere, infatti, che la prima colonia romana venne fondata (secondo Livio) nel VII sec.  a.C., per proteggere Roma dalle possibili incursioni dei nemici e per controllare le grandi saline, all’epoca vitali. La pesca ha necessariamente avuto sempre un ruolo importante in questa terra sospesa tra fiume e mare e, ancora oggi, sopravvivono forme di pesca antiche. In questa video-intervista Mario Salvatori ci ha fornito una testimonianza della sua passione per tecniche ormai quasi dimenticate, come la pesca con lo “iacco” (o rezzaglio) oppure quella con il bilancione, che ancora si può praticare alla foce del Tevere, a Fiumare grande. Si tratta di un modo tradizionale di vivere il fiume, che piace ai grandi ed entusiasma i più piccoli, e che forse dovremmo riscoprire.

Stefania Gialdroni

Visit Ostia Antica

Redazione dell'APS VISIT OSTIA ANTICA The VISIT OSTIA ANTICA editorial staff