Top
Laboratori didattici e attività e formazione per bambini e scuole
fade
439
single,single-destinations,postid-439,mkd-core-1.0,mkdf-social-login-1.0,mkdf-tours-1.3,voyage-ver-1.1,mkdf-smooth-scroll,mkdf-smooth-page-transitions,mkdf-ajax,mkdf-grid-1300,mkdf-blog-installed,mkdf-breadcrumbs-area-enabled,mkdf-header-standard,mkdf-sticky-header-on-scroll-down-up,mkdf-default-mobile-header,mkdf-sticky-up-mobile-header,mkdf-menu-item-first-level-bg-color,mkdf-dropdown-default,mkdf-dark-header,mkdf-fullscreen-search,mkdf-fullscreen-search-with-bg-image,mkdf-search-fade,mkdf-medium-title-text,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0.1,vc_responsive
 

Formazione

Laboratori didattici per bambini e studenti

Uno degli scopi principali dell’Associazione culturale L’Info-Attiva di Ostia Antica è quello di far conoscere il patrimonio culturale del Litorale romano partendo innanzitutto dai giovani. Per questo abbiamo sviluppato nel corso degli anni una serie di attività per le scuole, differenziando il livello di approfondimento a seconda dell’età degli studenti. I nostri laboratori sono nati per gli studenti della scuola italiana ma possono essere proposti anche al di fuori dell’ambiente scolastico, essere adattati alle esigenze di studenti stranieri o a quelle di gruppi di adulti.

Grazie alla collaborazione con l’Associazione Observo Onlus, abbiamo oltretutto sviluppato due progetti, uno rivolto alle scuole superiori di secondo grado (alternanza scuola-lavoro) e l’altro ai giovani tra i 18 e i 28 anni, nell’ottica di uno sviluppo dell’occupazione giovanile rispettosa dei principi della solidarietà, della partecipazione, dell’inclusione e dell’utilità sociale nei servizi resi (Servizio Civile Nazionale).

Nel 2017 partirà il primo progetto di SCN a cui L’Info-Attiva di Ostia Antica ha aderito, il quale prevede il coordinamento di volontari presso i siti archeologici di Ostia Antica, Terme di Caracalla e Villa dei Quintilii.

Per maggiori informazioni su tutti i nostri progetti di formazione contattateci all’indirizzo info@visitostiaantica.org.

Imparare divertendosi

LA STORIA IN GIOCO: come giocavano i bambini nell’antichità?

Utenti: ragazzi delle scuole elementari (terza: i giochi della preistoria; quarta: i giochi delle grandi civiltà; quinta: i giochi dei romani)

Modalità:

1) In classe con proiettore: con l’ausilio di un divertente power point si introduce il periodo storico e si illustrano le principali espressioni ludiche del tempo, con le relative testimonianze archeologiche. 2) In palestra o area spaziosa per potersi muovere: parte pratica del laboratorio, durante la quale i bambini potranno cimentarsi con le riproduzioni dei giochi antichi presentati.

Obbiettivi specifici: Il progetto mira da un lato ad integrare la comprensione da parte dei bambini del trascorrere del tempo e delle trasformazioni avvenute durante le grandi periodizzazioni della storia, dall’altro contribuisce al recupero della funzione comunitaria del gioco, suscitando l’interesse per le componenti materiali e tattili di molti giocattoli, stimolando la creatività e le abilità logiche e manuali dei ragazzi. Si tratta in sintesi di un valido strumento complementare al percorso di apprendimento scolastico, ricordando che ciò che si sperimenta attraverso il gioco si fissa in maniera indelebile nella mente in quanto esperienza partecipata e vissuta in prima persona.

Durata: 1h in classe (lezione) e 1h in palestra (laboratorio). TOT. 2h

Costo da concordare

LA STORIA DELLA SCRITTURA: realizziamo insieme una tavoletta cerata

Utenti: ragazzi delle scuole elementari (quarta e quinta) e medie.  

Modalità: grazie ad una divertente presentazione i ragazzi affronteranno un viaggio che gli farà ripercorrere le principali tappe della storia della scrittura dalle origini. Il laboratorio consisterà nella realizzazione di una tavoletta cerata, uno strumento scrittorio tipico dell’antichità, estremamente diffuso in tutto l’impero romano nonché dopo la sua caduta, fino al XII secolo. Gli studenti potranno così toccare con mano come i loro coetanei di 2000 anni fa imparavano a leggere e a scrivere.

Obbiettivi specifici: i ragazzi scopriranno le differenze e le tante somiglianze tra le nostre abitudini e i nostri stili di vita e quelli delle persone che abitavano questi stessi territori in passato e che tanto hanno influenzato l’intero sviluppo della cultura occidentale.

Durata: 1h di lezione e 1h30 di laboratorio. TOT. 2h30.  

Costo da concordare

NUTRIRE L’IMPERO: realizziamo insieme una ricetta di Apicio

Utenti: ragazzi delle scuole elementari (quinta) e medie

Modalità:

1) Con l’ausilio di un divertente power point si introduce il periodo storico e si illustrano i vari tipi di cibi consumati dai romani e la provenienza dei principali prodotti (ad es. grano, olio, vino, garum) con le relative testimonianze archeologiche, nonché l’organizzazione della distribuzione gratuita o semi-gratuita di cereali e di altre derrate alimentari 2) Realizzeremo insieme una ricetta antica tratta dal celebre ricettario di Apicio per poi consumarla insieme. Una selezione di ricette verrà fornita in anticipo agli insegnanti per dare modo agli studenti di portare in classe gli ingredienti il giorno del laboratorio

Obbiettivi specifici: Il progetto mira a rendere consapevoli gli studenti dell’origine dei cibi non raffinati, dell’organizzazione necessaria a “nutrire un impero” e delle tradizioni culinarie dell’antica Roma, comprese le tante curiosità dall’uso del triclinium alla passione per la salsa di interiora di pesce. Si tratta di un valido strumento di educazione alimentare complementare al percorso di apprendimento scolastico arricchito dalle suggestioni della storia e dell’archeologia.

Durata: 1h di lezione e 1h30 di laboratorio. TOT. 2h30.

Costo da concordare

CACCE AL TESORO

Utenti: ragazzi delle scuole elementari (quarta e quinta), secondarie di primo grado. Aumentando il livello di difficoltà le cacce al tesoro sono adatte a tutte le età.

Modalità:

Armati di una mappa del sito (scavi di Ostia Antica, Portus, borgo di Ostia Antica) i partecipanti alla “Caccia ai tesori d’arte” dovranno individuare bassorilievi, stemmi, sarcofagi che hanno sfidato i secoli ma di cui molto spesso non ci accorgiamo neanche. Una volta raggiunto il punto indicato, un operatore didattico descriverà in modo originale ed accattivante di cosa si tratta. Un modo diverso di esplorare i nostri tesori archeologici tra storia e leggende. E’ possibile organizzare una caccia al tesoro che comprenda una parte naturalistica. Adatto a bambini a partire dai 6 anni e a ragazzi di tutte le età.

Durata: 1h30/2h

Costo da concordare

LA VITA QUOTIDIANA NEL MEDIOEVO

Utenti: ragazzi delle scuole secondarie di primo grado.

Modalità: grazie ad una divertente presentazione power point i ragazzi affronteranno un viaggio che gli farà rivivere la vita quotidiana nel medioevo: la vita nelle campagne e nelle città, i mestieri, il cibo e l’abbigliamento, il diverso ruolo degli uomini e delle donne e i giochi dei bambini.

A seconda delle richieste degli insegnanti, il laboratorio che seguirà la presentazione power point potrà riguardare uno dei temi affrontati come ad es. i giochi, l’abbigliamento, le armi o le invenzioni.

Obbiettivi specifici: i ragazzi scopriranno così che, contrariamente a quanto per decenni sostenuto, il Medioevo non è l’epoca delle tenebre, il lungo tempo delle sofferenze che gli umanisti e molti altri hanno voluto e vogliono, ancora oggi, vedervi. Fu invece un tempo di progresso e di godimenti.

Durata: 2h in classe (1h di lezione e 1h di laboratorio).  

Costo da concordare

IL MESTIERE DELL’ARCHEOLOGO

Utenti: ragazzi delle scuole elementari (quarta e quinta), secondarie di primo e secondo grado

Modalità: Utilizzando un divertente power point, raccontato da un’archeologa, vengono introdotti i concetti base per la comprensione del lavoro di un archeologo e dello svolgimento di uno scavo archeologico.

Introduzione: Cos’è l’archeologia: dal significato della parola “archeologia” a ciò in cui effettivamente consiste “fare archeologia” e perché si fa. Semplicissimi cenni della storia dell’archeologia: le grandi scoperte archeologiche del passato e l’archeologia oggi nelle nostre città.

Lo scavo archeologico: Descrizione dello svolgimento di uno scavo archeologico: seguendo il percorso di un oggetto di uso; Presentazione degli utensili usati per realizzare uno scavo (saranno portati in classe i più comuni strumenti di lavoro di cui i ragazzi potranno prendere visione e direttamente provare a “usarli” seguiti da chi spiega). Cosa si fa quando si trova un reperto: il lavaggio, la catalogazione, la schedatura e il potenziale informativo delle varie classi materiali (ceramica, monete, ossa, resti vegetali).

Il laboratorio. I laboratori possono essere di due tipi:

1) Scavo presso il sito archeologico dei porti imperiali (Portus) in casseforme appositamente predisposte.

2) Scavo simulato in classe con l’ausilio di materiale didattico fornito dall’Associazione (solo per le scuole elementari).

Obbiettivi specifici: Il mestiere dell’archeologo è stato reso famoso dalla letteratura e dal cinema, ma è in realtà uno dei meno conosciuti. Molti, grandi e piccoli, hanno un’idea fantascientifica della figura dell’archeologo ed ignorano quanta passione, fatica e studio si celino alle spalle di un professionista, il cui lavoro non è affatto un’avventura alla ricerca di tesori perduti, ma un’indagine attenta e minuziosa del passato condotta da veri e propri scienziati. Questa lezione/laboratorio ha l’obiettivo di far conoscere in maniera semplice l’attività lavorativa di un professionista, quali domande si pone e come cerca di trovarvi risposta, come si allestisce un cantiere di scavo, e in che modo gli archeologi possono contribuire alla tutela del paesaggio e dei monumenti storici che lo arricchiscono.

Durata: 1h30 di lezione e 2h30/3h di laboratorio. TOT. 4h30/5h.

Costo da concordare

MOSAICO SECONDO LA TECNICA ROMANA

Utenti: ragazzi delle scuole elementari (quinta), secondarie di primo e secondo grado

Modalità: Dopo aver brevemente spiegato l’importanza del mosaico nella storia dell’arte inquadrandolo nello specifico contesto di Ostia Antica, si procede alla realizzazione di un piccolo mosaico (20cm x 20cm) utilizzando come supporto una mattonella. Dall’impasto di sabbia e grassello, alla punzonatura, al posizionamento delle tessere, tutte le fasi della creazione di un mosaico secondo la tecnica romana vengono spiegate e messe in pratica.

Obbiettivi specifici: Il progetto mira a rendere consapevoli gli studenti della grande maestria dei mosaicisti romani permettendogli di realizzare con le proprie mani un piccolo mosaico ispirato ai temi ricorrenti negli scavi di Ostia Antica. La realizzazione in prima persona risulta divertente e di grande soddisfazione e fissa nella memoria i temi trattati nella lezione introduttiva.

Durata: 1h di lezione e 3h di laboratorio. TOT 4h.

Costo da concordare